Una delle sei siepi esterne del labirinto della Villa è stata ricoperta da un intreccio di fili bianchi che ha trasformato il bosso in una soffice nuvola. La pianta, ancorata al terreno tramite le radici, si fa simbolo di corporeità e concretezza della figura umana, in dialogo con l’opera che rappresenta la spiritualità e l’immaterialità dell’anima.

Attraverso l’installazione il corpo ascende metaforicamente al cielo, come una nuvola leggera e impalpabile.

 

LIGHTNESS work in progress video | durata 00:33